“Il Foglio volante” di gennaio 2013

Foglio gennaio 2013

Con il 2013 “Il Foglio volante” entra nella XXVIII annata. Era infatti il gennaio 1986 quando usciva il primo numero del mensile. Il numero si apre con un articolo sul Premio di Poesia “Città di Sant’Elia Fiumerapido” e vi compaiono poi, oltre alle solite rubriche, testi di Domenico Adriano, Bastiano, Angelo Capocci, Maria Benedetta Cerro, Loretta Bonucci, Leonardo Facchini, José Antonio Martinez Muñoz.
Ricordo che ricevere copia saggio, ci si può rivolgere a: edizionieva@libero.it o al numero telefonico. 0865.90.99.50.
Ma, con l’occasione, voglio invitare piú esplicitamente gli amici ad abbonarsi al “Foglio volante”, perché è un mensile che vive solo col sostegno degli abbonati, oltre che per mia personale volontà. L’abbonamento costa 18 euro e dà diritto a ricevere tre libri omaggio, per un importo superiore al costo dell’abbonamento.
Riporto, qui di seguito, un articoletto dal titolo “Basta sconti, sono madrelingua inglese!” e una poesia di Antonio Martinez Muñoz, tradotta in italiano da Maddalena Vacana.

Basta sconti, sono madrelingua inglese!

«Gli Inglesi continuano a chiedere sconti sulla cifra da versare a favore del bilancio europeo, nonostante guadagnino 350 miliardi di euro l’anno grazie all’insegnamento della lingua inglese oltremanica, in un quadro di pura colonizzazione linguistica». Esordisce così Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto, all’avvio del summit che riunisce i capi di governo europei per approvare il prossimo bilancio.
«Dal 1984 gli inglesi ottengono uno sconto sulla quota da versare alle casse Europee del 66% sul totale e ancora oggi continuano a chiedere sconti. Niente Sconti! Piuttosto dovremmo rivolgere un monito a tutti i Primi Ministri d’Europa e allo stesso Mario Monti i quali, favorendo l’assoggettamento linguistico all’inglese, favoriscono le casse del governo Britannico. Con la lingua federale europea solo l’Italia risparmierebbe ogni anno 60 miliardi di euro, e si eviterebbero iniziative assassine della lingua Italiana come quella del Politecnico di Milano», aggiunge Pagano.
Il Segretario fornisce quindi una soluzione concreta al problema linguistico dell’Europa: «È la lingua federale che bisogna avere il coraggio di porre come soluzione politica alla tassa linguistica inglese promuovendo invece iniziative di valorizzazione internazionale della lingua e della cultura italiana, anziché l’assoggettamento di menti a favore dei madrelingua inglese».

atque amemus

atque amemus, amada, ahora
justo cuando el mundo se precipita
a la barbarie, aunque no vistas de azul
(ellos sí llevan trajes oscuros)
ni llueva sobre París, que quizá no sea nuestro,
aunque las arenas de Libia ya contengan
sólo el polvo dormido el eco olvidado
de tantas medulas que han gloriosamente ardido

todo eso ya da igual, mas hay plata viva
en el lago de tu mirada
peces que se aman en su honda freza
eres violetas que el viento acaricia
y te pido sólo tu más largo beso

no miles ni millones ni colmatar la Cirenaica

los años de vigor y entusiasmo se han ido
rezumando de una vasija mal sellada
y quizá la arena espera a las viejas banderas
los libros amados las manchas de viva pintura
que nos arrancaban lágrimas de amor
y al mundo y a nuestras respuestas escasas

atque amemus, amada, dame un beso
quiero tus brazos y tus labios
ahora que ya creo oír atenuado
el torpe sollozo del mundo
amemus, seamos otra vez dignos y bellos
cuando irrumpan los bárbaros a caballo
vivamos otro poco, amada,
atque amemus, mientras el mundo se va al carajo

José Antonio Martínez Muñoz
Murcia (Spagna)

atque amemus

atque amemus, amata, ora
proprio ora che il mondo precipita
verso la barbarie, sebbene non sia vestita di azzurro
(loro sí portano abiti scuri)
né piove su Parigi, che magari non sia nostro,
sebbene le sabbie della Libia già contengano
solo la polvere addormentata l’eco dimenticato
di tanti midolli che hanno gloriosamente ardito

tutto questo non importa, ma c’è piú argento vivo
nel lago del tuo sguardo
pesci che si amano nella loro onda frangiata
sei viola che il vento accarezza
e ti chiedo solo il tuo bacio piú lungo

né mille né milioni né colmare la Cirenaica

gli anni di vigore e entusiasmo se ne sono andati
filtrando da un vaso mal sigillato
e forse la sabbia aspetta le vecchie bandiere
i libri amati le macchie di pittura viva
che ci strappavano lacrime d’amore
e al mondo a alle nostre risposte avare

atque amemus, amata, dammi un bacio
voglio le tue braccia e le tue labbra
ora che credo udire attenuato
il maldestro singhiozzo del mondo
amemus, siamo di nuovo degni e belli
quando irrompano i barbari a cavallo
viviamo un altro po’, amata,
atque amemus, mentre il mondo se ne va al diavolo

José Antonio Martínez Muñoz
(Trad. di Maddalena Vacana)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: