“Il Foglio volante” di aprile 2014

Foglio 4-2014

Nel “Foglio volante – La Flugfolio”, di aprile 2014mensile letterario e di cultura varia. In apertura il mio articolo “Anglomania: oppressori ed oppressi”. Vi compaiono poi, oltre alle solite rubriche, testi di Domenico Adriano, Rosa Amato, Loretta Bonucci, Fabiano Braccini, Angelo Capoccia, Giuditta Di Cristinzi, Tony Di Filippo, Claudio Esposito, Vito Faiuolo, Paul Georgelin, Daniele Maraviglia, Adriana Mondo, Teresinka Pereira, Silvana Poccioni, Patrick Sammut, Gerardo Vacana.
Ricordo che per ricevere regolarmente “Il Foglio volante” in formato cartaceo è necessario abbonarsi. L’abbonamento – che dà diritto a ricevere tre libri omaggio per un prezzo di copertina superiore al costo dell’abbonamento (18 euro) – serve anche a sostenere un foglio letterario che non ha altre forme di finanziamento. Per ricevere copia saggio, ci si può rivolgere all’indirizzo: fogliovolante@libero.it oppure al numero telefonico 0865.90.99.50.
Riportiamo, qui di seguito, il testo di apertura, un breve testo dalla rubrica “Appunti e spunti – Annotazioni linguistiche” e una poesia di Adriana Mondo.

Anglomania: oppressori ed oppressi

La pubblicità di un nuovo programma televisivo (i corsivi sono miei): «A “The Voice of Italy” ascolteremo grande musica, italiana e internazionale, con brani leggendari e hit contemporanee, in un percorso che si svilupperà in quattro fasi: le Blind Audition, le Battle, la novità del Knockout e i Live Show. Tra novità e grandi conferme i quattro coach sono: Raffaella Carrà, J-Ax, Noemi e Piero Pelú.»
Ecco cosa è diventato l’italiano. E qui parliamo di un programma che si presenta come “The Voice of Italy”, ovvero “La voce dell’Italia”. Quindi: la voce dell’Italia non è italiana.
La televisione – che purtroppo è ormai la prima agenzia formativa per i bambini e i ragazzi, piú della scuola, piú della famiglia – sta distruggendo la nostra lingua.
Apro in Internet una guida dei programmi televisivi della giornata ed ecco alcuni titoli di programmi presi a caso: The Walking Dead, Agents of S.H.I.E.L.D., Euronews, Heroes, Safe house, Morning News, Night News, Switch, My Life, Media Shopping, Cartoon Flakes, Winx Club, Phineas and Ferb, Desperate Housewives, The Good Wife, America today, Shownet, Serial Webbers, Musiclife, Lost World, Private Practice, Brothers and Sisters, Rush, One Tree Hill, Fumettology, Three Rivers, Law & Order, Sworn Secrecy, Rewind, Chips, My Life, Friends, Dr House – Medical Division, Dragon Ball Gt, Big Bang Theory, Coffee Break, Night Desk, Movie Flash, e mi fermo qui per non annoiare oltre.
Anche per quanto riguarda le categorie, annotate a fianco ai programmi, si può leggere: Series, Talk Show, Current Affairs, Docu-Reality, Reality Show, Movie, ecc.
È questo l’andazzo della televizione, è questo l’andazzo dei giornali e anche degli ambienti politici, ufficiali e burocratici. Il Presidente è ormai Premier, il biglietto è ticket, lo stato sociale è welfare, e poi question time, badge, day hospital, election day, social housing, e, piú di recente, da parte di chi si appresta a rottamare la lingua italiana: Jobs act.
Scrive Corrado Augias in un articolo intitolato “Quel goffo cosmopolitismo linguistico”: «Lo so, è diffusa la voglia di ostentare una disinvoltura cosmopolita quando non si possiedono nemmeno le conoscenze più elementari. Spending review, service tax, ministero del Welfare, personale dedicato, esempi grotteschi unici al mondo. Ma siamo diventati matti? La regola sarebbe che quando parli una lingua la devi usare tutta, idem se ne parli un’altra.»

Ma siamo ormai schiavi della colonizzazione linguistica angloamericana. Gli Stati Uniti e il Regno Unito, investono milioni di euro per la diffusione della lingua e quindi per portare acqua al loro mulino. E io piú che una ridicola ostentazione di “disinvoltura cosmopolita” o, meglio, di un malinteso senso di sprovincializzazione, direi da parte di molti si tratta dell’atavica tendenza ad adulare i potenti.
E, per quanto riguarda coloro che hanno potere decisionale (in politica, nell’economia, nell’apparato burocratico, nel giornalismo, ecc.), non riesco a pensare che non si rendano conto che siamo ormai alla dipendenza psicologica e alla schiavitú culturale. È che l’oppresso diventa complice dell’oppressore e suo connivente.

Amerigo Iannacone


Appunti e spunti
Annotazioni linguistiche
di Amerigo Iannacone

Mazzette avvicinatrici e mazzette distanziatrici

Sapevo che esistono le mazzette – anche se non ho avuto mai modo né di riceverle né di darle – ma ho sempre pensato che servivano ad avvicinare (alcune persone, alcune mete, alcuni profitti…). Ora scopro che esiste anche la “mazzetta distanziatrice”, che è uno “strumento di autotutela”, in dotazione dei vigili di alcune città: Roma, Prato, Pisa… L’oggetto misterioso è in realtà un manganello o, se preferite, uno sfollagente. Ma, evidentemente, la parola “manganello” avrebbe suscitato ricordi di un’epoca che conviene archiviare e “sfollagente”, chissà!, avrebbe sfollato troppo la gente. E cosí i regolamenti comunali, hanno previsto la “mazzetta distanziatrice”: che delicatezza!


Notte di stelle

Questa è la notte
che ci incensa di pace,
nel turbinio di atomi celesti,
l’argento delle stelle,
ci ammanta ogni ora,
è modulo lunare
e non ci spaventano
i fantasmi della notte.
La via scelta come meta
è dritta e lunga, passo dopo passo,
con pazienza giungeremo alla vetta,
oltre le frustate del destino,
intrecciando canti fraterni,
nella speranza di un mondo tutto nuovo.

Adriana Mondo
Reano (Torino)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: